Sani e Felici

Altri benefici per la salute

― Dì addio alla sonnolenza postprandiale con il kiwi

Una ricerca in corso mostra che mangiare kiwi a colazione riduce e rallenta significativamente l’assorbimento degli zuccheri dei cibi da parte del sangue, un’ottima cosa per tenere a bada la glicemia

Mantenere la glicemia entro i giusti valori significa avere un livello di glucosio ematico che non sale mai troppo, né scende mai sotto il livello necessario. Ciò evita quelle sgradevoli sensazioni di spossatezza o fame tra un pasto e l’altro. Uno scarso controllo glicemico è spesso associato a patologie croniche collegate all’obesità, come il diabete e le malattie cardiovascolari.

La combinazione delle fibre presenti nel kiwi è unica e si distingue rispetto agli altri tipi di fibra comunemente assunti (ad esempio le fibre contenute nelle mele, nelle arance, e nella crusca di frumento). Questo avviene perché il kiwi ha un’elevatissima capacità di trattenere l’acqua.

Una volta ingerite, le fibre del kiwi inglobano l’acqua e diventano gonfie e spesse, assumendo una consistenza gelatinosa. Quando la colazione viene digerita, le sostanze sono scisse in zuccheri più piccoli, che si muovono più lentamente attraverso questa massa gelatinosa. Ciò fa sì che il glucosio sia assorbito dal sangue a una velocità ridotta, cosa che, a sua volta, comporta un più lento rilascio dell’energia.

Un migliore controllo della glicemia può inoltre essere utile per:

  • Perdere peso o mantenere il proprio peso-forma ideale.
  • Evitare snack ad elevato contenuto calorico tra i pasti (perché non si sente lo stimolo della fame).
  • Mantenere una glicemia stabile come parte di un piano terapeutico per la cura del diabete.

i un kiwi al tuo frullato pre-allenamento e sfrutta il suo lento rilascio di energia

L’indice glicemico (IG) classifica i cibi in base all’effetto che hanno sulla glicemia, ossia sui livelli di glucosio nel sangue. I cibi con un basso IG (pari o inferiore a 55) sono digeriti, assorbiti e metabolizzati più lentamente e determinano un aumento inferiore e più lento del livello glicemico.

I kiwi hanno un basso indice glicemico (39 per il kiwi Zespri Green e 38 per il Zespri SunGold), per cui il glucosio viene assorbito più lentamente dall’organismo e rilasciato più lentamente nel torrente ematico.

Ciò fa del kiwi uno spuntino perfetto e una scelta sana per le persone con ridotta tolleranza al glucosio, come chi è affetto da diabete di tipo I e II, e presenta condizioni di insulino-resistenza.

controllo_glicemia_kiwi

― Il kiwi: l’alleato degli atleti

Il kiwi contiene quasi la stessa quantità di potassio della banana

Il potassio è un minerale importante per lo sviluppo di diverse funzioni corporee.
In particolare, il potassio:

  • È necessario per la contrazione muscolare.
  • Contribuisce al mantenimento di una normale pressione arteriosa.

potassio_kiwi


― Il kiwi: una fonte naturale di folato

La vitamina B9, detta anche folato, è un composto sintetizzato dalle piante. Il corpo umano non è in grado di produrlo, quindi è necessario trovare buone fonti di folato all'interno della dieta

Il folato svolge delle funzioni fondamentali all’interno dell’organismo ed è necessario assicurarsi che il livello di tale sostanza sia sufficientemente elevato prima e durante la gravidanza.

Sei in gravidanza o stai cercando di avere un bambino? È probabile allora che il medico ti prescriva il folato, perché questa vitamina del gruppo B contribuisce allo sviluppo del materiale genetico. Ovviamente, non puoi soddisfare l'intero fabbisogno di folato solamente con il kiwi, ma questo frutto delizioso è il complemento ideale da abbinare all'integratore di folato che ti è stato prescritto. 

La dose raccomandata per le donne in età fertile e per quelle che stanno cercando di avere un bambino o sono in gravidanza è un'integrazione di 400 µg/giorno, in aggiunta al normale fabbisogno giornaliero di 200 µg. È assai complicato riuscire ad assumere la necessaria quantità di folato unicamente attraverso l’alimentazione. I kiwi Zespri contengono 31–38 μg/100 g di folato, il che li rende un valido complemento agli integratori di acido folico. Poiché la cottura distrugge il folato, la frutta fresca è una valida alternativa alle verdure cotte.

folato_kiwi

― Il kiwi: una golosità che non incide sulla bilancia

Il kiwi Zespri SunGold contiene appena 79 kcal per 100 gr, mentre lo Zespri Green ha solo 81 kcal per 100 gr.

calories_kiwi

 

― Il kiwi: un’esplosione di salute, sia dentro che fuori

I kiwi Zespri Green e Zespri SunGold sono ricchissimi di antiossidanti come la vitamina C, la vitamina E e i polifenoli. Questi antiossidanti proteggono l’organismo dai radicali liberi, delle sostanze che danneggiano le cellule del nostro corpo. Se i livelli di antiossidanti presenti nel nostro organismo non sono sufficienti, il corpo non può proteggersi dall’azione nociva dei radicali liberi. 

Gli antiossidanti contenuti nella vitamina C apportano numerosi benefici, tra cui:

  • Aiutano a prevenire l’invecchiamento, riducendo il danno cellulare derivante dai raggi UV, dall’inquinamento, dallo stress e dal fumo, favorendo invece la formazione di collagene.
  • Aiutano il sistema nervoso a funzionare meglio.
  • Rafforzano il nostro sistema immunitario.

Riferimenti

  • Dawson S.I., Willis J.A., Florkowski C.M., Scott R.S. (2008), Cause-specific mortality in insulin-treated diabetic patients: a 20-year follow-up, Diabetes Research and Clinical Practice, 80: 16-23.

  • Mishra S., Monro J., Kiwifruit remnants from digestion in vitro have functional attributes of potential importance to health, Food Chem, 2012, 135:2188-2194.

  • Monro J., Kiwifruit – a double agent for glycaemic control and nutrient enhancement: 1st International Symposium on Kiwifruit & Health.
  • USDA. USDA national nutrient database for standard reference (release 28). 2015.
  • Bailey L.B., Stover P.J., McNulty H., Fenech M.F., Gregory J.F. 3rd, Mills J.L., Pfeiffer C.M., Fazili Z., Zhang M., Ueland P.M., Molloy A.M., Caudill M.A., Shane B., Berry R.J., Bailey R.L., Hausman D.B., Raghavan R., Raiten D.J., Biomarkers of nutrition for development-folate review, J Nutr., 2015, 145:1636S-1680S.

  • Commissione Europea, EU register on nutrition and health claims (2012).

  • Prior R.L., Gu L., Wu X., Jacob R.A., Sotoudeh G., Kader A.A., Cook R.A., Plasma antioxidant capacity changes following a meal as a measure of the ability of a food to alter in vivo antioxidant status, J Am Coll Nutr., 2007, 26(2):170-81.
  • Mishra S, Willis J, Ansell J , Monro JA: Equicarbohydrate partial exchange of kiwifruit for wheaten cereal reduces postprandial glycaemia without decreasing satiety. Accepted, Journal of Nutritional Science (2016).